Licenza di pesca in mare

La licenza di pesca in mare

La licenza di pesca in mare è stata introdotta nel 2010, in quanto fino ad allora non era previsto l’obbligo di possedere alcun permesso. A ben vedere però, non si tratta di una vera e propria licenza di pesca, ma di una una segnalazione con la quale si comunica al Ministero la propria intenzione di esercitare l’attività con i propri dati personali.

Infatti, nell’anno 2010, al solo fine di rilevare e censire la consistenza della pesca sportiva e ricreativa in mare, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con Decreto del 6 dicembre 2010 (d.m. 6 dicembre 2010), ha introdotto l’obbligo per i pescatori maggiori di anni 16 di comunicare, mediante l’apposito portale, i propri dati anagrafici specificando l’attività di pesca svolta.

Il foglio stampato della ricevuta di comunicazione rappresenta la licenza di pesca in mare e costituisce titolo per l’esercizio della pesca dilettantistica, sia da terra che dalla barca.

Attualmente, la licenza di pesca in mare è gratuita e non occorre fare alcun pagamento.

Nel Decreto Ministeriale del 6 dicembre 2010 si legge che, se durante un controllo il pescatore sportivo risulta privo della suddetta comunicazione, la pesca sportiva viene sospesa. In questo caso l’interessato deve provvedere ad effettuare la registrazione entro dieci giorni. Non è chiaro se le sanzioni possono essere applicate sin da subito o solo nel caso di mancata regolarizzazione entro i dieci giorni previsti. In teoria, vale il principio secondo cui non può essere irrogata nessuna sanzione se questa non è espressamente prevista da una norma di legge (principio di legalità). Ne deriva che, in caso di mancata comunicazione, il pescatore non può essere sanzionato se provvede a fare la comunicazione entro i dieci giorni.

La comunicazione per la pesca sportiva può essere effettuata in due modi. Autonomamente, tramite il portale, ovvero in via cartacea, compilando un apposito modulo con l’ausilio delle associazioni di pesca sportiva e ricreativa e le associazioni di pesca professionale.

Nel corso del tempo le dichiarazioni hanno subito diverse proroghe di validità:
  • Decreto ministeriale del 22 dicembre 2014, proroga al 31 dicembre del 2015;
  • D.M. del 23 marzo 2016: proroga al 31 dicembre 2016;
  • Decreto del 25 luglio 2017: proroga al 31 dicembre 2017;
  • Decreto del Direttore Generale del Ministero n. 14110 del 26 giugno 2018, ulteriore proroga al 31 dicembre 2018;
  • Decreto Direttoriale 26024 del 20 dicembre 2018: nuova proroga al 31 dicembre 2019 Rinnovo_pesca_sportiva_ricreativa_2019___prot.

Con Decreto Direttoriale n. 5205 del 4/3/2020, la validità di tutte le comunicazioni già inviate è stata ulteriormente prorogata fino al 31 dicembre 2022.

Questa volta la proroga della licenza di pesca è stata concessa per ben tre anni (2020-2021-2022) invece di uno come avvenuto con i precedenti decreti.

DD_5205_4.03.2020-rinnovo_pesca_sportiva

Come effettuare la dichiarazione

Per effettuare la dichiarazione ed ottenere la licenza di pesca per pescare in mare occorre accedere all’applicativo messo a disposizione dal Ministero al seguente LinkPer accedere all’applicazione occorre registrarsi. Una volta compilati i campi obbligatori, si riceve una mail all’ indirizzo indicato attraverso la quale è possibile completare la registrazione.

Inserimento dei dati per ottenere la licenza di pesca in mare

Aprendo il link contenuto nella mail, si accede alla pagina del Ministero nella quale è riportato il codice di attivazione. A questo punto è sufficiente stampare la pagina e sistemarla insieme all’ attrezzatura da pesca. La pagina stampata comprovava l’avvenuta comunicazione e costituisce il titolo (cioè la licenza di pesca in mare) per l’esercizio dell’attività sporitiva.

Accedendo al portale con le proprie credenziali di registrazione, è sempre possibile aprire e stampare nuovamente la licenza per la pesca in mare. Occorre quindi conservare le credenziali, in modo da poter ristampare il permesso nel caso lo si smarrisca.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti sulla licenza di pesca in mare consultare la pagina istituzionale del Ministero al link 

Non dimenticare di rispettare le misure minime dei pesci di mare

E’ assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, del testo e delle foto presenti in questo articolo, senza il consenso scritto dell’Autore.

Se ti è piaciuto questo articolo faccelo sapere supportando il nostro progetto con un like sulla pagina Facebook!!